Netweek      
News
Missioni di pace e missioni di guerra
24/07/06
Stefano Savi, direttore di Medici Senza Frontiere (M.S.F.) Italia, fa un appello alla chiarezza: 'Attenzione ad affiancare l'aggettivo 'umanitario' alle missioni militari'. Secondo Savi, infatti, questa confusione dei ruoli sta ostacolando il lavoro delle organizzazioni non governative, per le quali sta diventando difficile intervenire in aiuto delle popolazioni in difficoltà. I militari distribuiscono farmaci, viveri, costruiscono scuole e così il volontario in missione umanitaria viene associato all'esercito e considerato un bersaglio da eliminare. 'La respondabilità di questa situazione - continua il direttore di M.S.F. - è in gran parte delle forze di coalizione, che hanno legato l'aiuto umanitario a interessi di intelligence. Organizzazioni non governative e militari possono avere dei contatti, ma la popolazione locale deve poter distinguere la diverse funzioni'.
L'associazione Medici Senza Frontiere nasce in francia nel 1971: chiede che il diritto all'assistenza umanitaria sia rispettata e che le sia garantita piena libertà di svolgere la sua missione. Nel 1999 l'associazione ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace.

Tratto da 'la Repubblica' del 22/07/06


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
L'ABBRACCIO
Meda
CF:
Associazione Zero confini
Monza
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY