Netweek      
News
Pro loco di Fagnano Olona: oltre 500 persone hanno visitato il Castello visconteo
01/10/07
Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato inviato dagli amici della Pro loco di Fagnano Olona (Va) in merito alle 'Giornate nazionali dei castelli', evento che ha visto come protagonista la fortezza viscontea cittadina.


In occasione della nona edizione delle 'Giornate nazionali dei Castelli', sabato 29 settembre scorso l’Istituto Italiano dei Castelli ha organizzato un pomeriggio di visite guidate all’antico castello visconteo di Fagnano Olona, con la partecipazione di esperti storici ed amanti del settore.
Una volta l’anno l’istituto propone visite a castelli solitamente chiusi al pubblico, convegni, tavole rotonde e mostre, concerti, celebrazioni di restauri di edifici fortificati o di interi complessi con lo scopo di avvicinare il pubblico a questo settore dell’architettura, che con le sue oltre 20.000 strutture fortificate è, dopo le chiese, il maggior patrimonio architettonico italiano.
L'Istituto Italiano dei Castelli è un’organizzazione culturale senza scopo di lucro nata nel 1964 su iniziativa di Pietro Gazzola ed eretta in Ente Morale, riconosciuto dal Ministero dei Beni Culturali nel 1991. Attualmente l'Isituto è associato a un organismo europeo patrocinato dell'Unesco, pvvero all''Europa Nostra-Internationales Burgen Institut'.
L'organizzazione sul territorio si articola in Sezioni regionali, cui fanno capo Delegazioni provinciali. Sezioni e Delegazioni, autonome nell'attività nel loro ambito, rispondono nelle linee generali a un Consiglio Direttivo, mentre l'attività di studio e di ricerca è coordinata da un apposito Consiglio Scientifico.
Gli scopi dell'Istituto sono la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione dell'architettura fortificata nei tanti monumenti che ci sono nel nostro paese. Esso si occupa infatti di tutte quelle architetture - torri, castelli, casseforti, città fortificate, rocche, forti, bastioni, conventi fortificati, mura e così via - nate per esigenze difensive.
Avendo perso la loro originaria funzione, queste gloriose ed antiche architetture sono costantemente esposte al degrado e necessitano pertanto di periodiche 'rivitalizzazioni', cioè interventi di manutenzione che permettono la loro conservazione.
L'Istituto Italiano dei Castelli svolge la sua attività essenzialmente su diversi fronti, iniziando dallo studio storico, archeologico e artistico dei castelli e dei monumenti fortificati. Ciò comporta una serie di operazioni volte alla conoscenza del patrimonio italiano di architettura fortificata: inventario e censimento delle di tutte le strutture presenti sul territorio; la loro salvaguardia e conservazione; l'inserimento delle architetture fortificate nel ciclo attivo della vita moderna per mettere a disposizione della comunità i beni culturali tramandataci dai nostri padri, consentendone una fruizione il più possibile ampia, diffusa e rispettosa; la sensibilizzazione scientifica e turistica dell'opinione pubblica, avvalendosi di un'intensa azione sociale e di propaganda tendente ad incrementare quantitativamente e qualitativamente la partecipazione alle sue attività di enti pubblici e privati e a diffondere in strati sempre più larghi della popolazione la conoscenza, l'apprezzamento e la volontà di tutela delle architetture fortificate.
Quella di sabato scorso, 29 settembre 2007, è stata una giornata che si può definire storica sotto tanti punti di vista, dai restauri appena terminati, alla cura e all'attenzione che è stata rivolta al Castello visconteo di Fagnano Olona negli ultimi 7-8 anni, alla grande esperienza e conoscenza del Dottor Marco Tamburini, delegato provinciale dell’Istituto e degli architetti Michela Fior ed Alessandra Grazia.
Sono state più di 500 le persone, provenienti da tutte le province lombarde, che hanno visitato il castello e l’eccezionale occasione offerta ha consentito di ammirare terrazze, scale e sale interne solitamente adibite ad uffici, in cui l’accesso non è consentito al pubblico.
Il Dottor Tamburini ed Armida Macchi Porta, Presidente della Pro Loco fagnanese, a fine giornata hanno espreso grande soddisfazione per esito della manifestazione, alla quale hanno preso parte anche delegazioni dell'Istituto provenienti dal Piemonte e dalla Svizzera.
Una giornata da incorniciare, nella quale tutte le bellezze del castello, e sono tante, sono state messe brillantemente in vetrina. Visti gli ottimi risultati estetici, architettonici e strutturali ottenuti con la restaurazione del cortile interno e della facciata del castello, auspichiamo che gli stessi lavori di salvaguardia e conservazione di questo patrimonio storico inizino al più presto anche sul secondo cortile e sulla facciata ed il belvedere che dominano la valle. Non va dimenticata la pulizia ed il ripristino dell’antico salone di oltre 60 metri quadrati appena scoperto, un pezzo di storia che dopo centinai di anni verrà nuovamente alla luce, facendoci conoscere ed ammirare i suoi segreti finora rimasti nascosti.
Marco Tamburini ha pubblicamente ringraziato Rinaldo Pacioni, Armida Macchi e Fausto Bossi per il grande appoggio e la collaborazione offerta nell’organizzare in maniera eccellente questa giornata.
Dopo tanto apprezzamento varrebbe la pena di proporre queste visite guidate con una cadenza programmata, di modo che tutti possano avere la possibilità di ammirare uno dei castelli più belli e conservati della regione.
Per eventuali contatti:castellilombardia@libero.it; www.proloco-fagnanoolona.org (Nella foto, da sinistra, Rinaldo Pacioni, Marco Tamborini, Alessandra Grazia, Fausto Bossi, Michela Fior)


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Radio maria
Erba
CF: 97152910580
Associazione Culturale Claudio Moretti
Erbusco
CF: 91015740177
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY