Netweek      
News
Pizza senza confini
08/06/06
Chi l'ha detto che non si possa gustare una bella pizza anche dietro le sbarre? Nella casa circondariale di Bollate da qualche tempo i detenuti possono ordinarla direttamente ai cuochi-carcerati e farsela portare nella propria cella. Uniche condizioni: la richiesta va fatta con un giorno di anticipo e sul conto corrente del richiedente ci devono essere i soldi per saldare il conto, che non è mai superiore ai 4 euro. Il servizio viene offerto grazie alla cooperativa Abc: nata dal progetto Virgilio stipulato tra la casa circondariale di Bollate, la Provincia e la Regione Lombardia, la struttura si occupa di catering esterno, oltre che del vitto dei detenuti e del personale carcerario. I soci della cooperativa , cuochi, camerieri, organizzatori, sono tutti detenuti e, per autofinanziarsi, hanno investito i loro primi stipendi per comprare le attrezzature da cucina. In seguito venne lanciata l'idea di una pizzeria interna, realizzata poi con tanto di forno e cartoni per l'asporto.
Questa è una delle tante inziative che la grintosa direttrice Lucia Castellano ha avviato all'interno del carcere, una delle poche se non uniche realtà italiane nella quale i detenuti scontano la pena seguendo un programma riabilitativo.


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI MONZA
Monza
CF:
A.I.D.O.
Parabiago
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY