Netweek      
News
Comune di Milano al via la seconda fase del Piano Antidroga. I Radicali: 'Iniziativa inutile'
06/03/08
Il Piano Antidroga del Comune di Milano è stato presentato ieri a Palazzo Marino dall'assessore alla Famiglia, Scuola e politiche Sociali, Mariolina Moioli e dall'assessore alla Salute Giampaolo Landi di Chiavenna.
680mila euro è il badget con il quale verranno finanziati nuovi progetti atti a promuovere nuove forme di comunicazione in grado di trasmettere messaggi educativi e sani modelli di vita quotidiana. Una parte di questi soldi sono invece destinati ad un bando per la selezione di progetti (ne sono già stati presentati 79) rivolti ad adolescenti e pre-adolescenti da realizzare entro il 2008.
Nel Piano è inoltre contemplato il proseguimento del progetto del kit antidroga, inizialmente distribuito solo nella Zona 6 di Milano, ora esteso a tutta la città. A tale scopo, entro il 10 marzo 35mila famiglie milanesi, con figli tra i 13 e i 16 anni, riceveranno una lettera da parte dell’Assessorato alla Salute che conterrà un coupon per ritirare presso una farmacia un kit antidroga. Nella missiva sono indicati anche i recapiti di interlocutori alle quali le famiglie possono rivolgersi in caso di bisogno, la descrizione delle principali droghe e dei sintomi da esse provocate, nonchè la Linea Verde Antidroga (tel. 800 458854, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12), il servizio telefonco offerto gratuitamente dal Comune che nel 2007 ha raccolto ben 4.487 chiamate, delle quali 1.387 sono state trattate attraverso un colloquio.
Milano aderisce ad Ecad, un'associazione alla quale fanno parte 250 città di 30 nazioni europee, impegnate a proporre iniziative per contrastare il fenomeno delle dipendenze.
www.comune.milano.it
Di ben altro avviso sono i Radicali di Milano: 'Riteniamo inutile questo tipo di iniziativa, e i dati sul fallimento della diffusione dei kit avvalorano la nostra tesi. I genitori non vogliono trasformarsi in cani da guardia: quindi giustamente evitano di ritirare questi kit in farmacia e di sottoporre i loro figli a test antidroga fai-da-te -dichiara Virginia Fiume, tesoriere dell'associazione 'Enzo Tortora' Radicali Milano. E prosegue: 'La cultura della prevenzione non si 'diffonde" con i kit antidroga, ma con l'informazione e con le politiche di riduzione del danno. Quanti cocainomani ci sono a Milano? Quanto è sentito il problema del degrado delle periferie, di zone come, per esempio, Quinto Romano? E' davvero necessario controllare le urine dei giovani milanesi? Su questo desideriamo confrontarci. Su questo desideriamo sentire la voce del Comune' www.droghe.aduc.it/php


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
I GABBIANI LECCO
Annone di Brianza
CF: 92053750136
Associazione culturale G.P.G
Lissone
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY