Netweek      
News
Valle Olona: continua senza sosta il lavoro dell'Osservatorio per la sua salvaguardia
10/11/08
Riceviamo e pubblichiamo il comunciato inviato dall'Osservatorio per la salvaguardia della Valle Olona (O.S.V.O.) www.valleolona.splinder.com , "un'aggregazione informale, temporanea e trasversale di associazioni e cittadini che hanno a cuore le sorti del territorio della Valle Olona".


Non si arrestano le attività di monitoraggio dell'Osservatorio, che venerdì scorso 7 novembre, durante una conferenza stampa a Gorla Minore (VA), ha incontrato i Sindaci della media Valle Olona, gli amministratori provinciali e l'assessore regionale all'agricoltura. Si è trattato di un confronto proficuo e promettente, che segna il rilancio della questione del Parco Regionale a un livello più diffuso fra la popolazione e la politica.
Noi crediamo di vivere un passaggio storico per la Valle, nel quale molti dovranno finalmante prendere una posizione chiara: o a favore della salvaguardia dell'ambiente naturale o per la re-industrializzazione del territorio. Ora sta ai Sindaci e a tutti gli amministratori che operano in Valle e che sostengono l'idea di un grande Parco Regionale, dalla Svizzera a Castellanza, a far sì che essa si realizzi, anche con l'appoggio di quei Comuni che finora non hanno voluto sentir parlare di forme di tutela e insistono sulla folle strada della reintroduzione delle industrie e del cemento a due passi dal fiume.
Continua infatti la preoccupazione dell'O.S.V.O. circa il silenzio che grava sul progetto dell'impianto di cogenerazione di olii e terre esauste provenienti dalle lavorazioni industriali che la Kataoil vorrebbe costruire fra Cairate e Lonate, a pochi metri dalle falde acquifere e direttamente sulla sponda del fiume Olona.
Un'opera assurda, a poche centinaia di metri dai centri abitati, fra i quali verrà eretta una ciminiera, per bruciare cosa? Com'è possibile conciliare gli inviti alla salvaguardia e l'installazione di tali industrie nel fondovalle? Poichè parte dell'impianto sarà edificato sul terreno dell'ex-cartiera Vita Mayer, sarà di nuovo industriale il destino di quest'area? E ancora: che senso hanno i finanziamenti della Provincia di Varese per il restauro del Monastero di Cairate e della sua storica costioeula, se questa finirà in bocca a un bruciatore di oli?
L'O.S.V.O. e le sue associazioni sono ora pronte alla mobilitazione generale: vogliamo sapere, vogliamo capire, vogliamo verificare. Diremo "basta!" alle devastazioni ambientali per sostenere il "progresso", alle fabbriche inquinanti col pretesto dell'occupazione: la Valle Olona è un patrimonio di tutti da salvaguardare e non una proprietà privata da sfruttare.
Nella foto, tratta dal sito www.valleolona.com , il fiume Olona e la sua valle


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
A.S.D. PEDALE BOLLATESE
Bollate
CF:
ORGANIZZAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE LE AQUILE - SEDE LOCALE NOVARA - VERCELLI
Borgomanero
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY