Netweek      
News
Un corso per promuovere la presenza delle donne in politica
04/12/08
E’ stata presentata ieri al Circolo dei lettori “Più donne per una politica che cambia” l’iniziativa promossa dalla Commissione Regionale per la realizzazione delle Pari Opportunità tra donna e uomo per favorire la partecipazione delle donne alla vita politica.
Un ciclo di quattro incontri proposti, nel corso del 2009, nei medi e piccoli comuni piemontesi per tracciare il percorso compiuto dalle donne negli ultimi 60 anni, approfondendo tematiche quali la Costituzione, la politica, le pari opportunità ed il lavoro per fornire loro conoscenze e strumenti utili per muoversi con maggior sicurezza e capacità tra istituzioni, mondo del lavoro e politica.
Con l’iniziativa la Commissione Regionale per le Pari Opportunità intende offrire un’occasione di conoscenza e di confronto culturale sulla condizione femminile e sui rapporti di genere, con il proposito di avvicinare le donne alle istituzioni e promuovere la partecipazione alla comunità locale.
In Piemonte la rappresentanza politica femminile è minoritaria, in linea con la realtà nazionale. Le donne con cariche amministrative sono il 16,88% in Regione, dove rappresentano però il 38% degli Assessori, e il 14,60% nelle Province, qui gli assessori donna sono il 23,5%. Va meglio nelle amministrazioni comunali dove le donne raggiungono il 20,73% e alcune punte di eccellenza che superano, in alcuni Comuni, il 30%. I Sindaci donna in Piemonte sono 12%, il 21% dei Consiglieri e il 20% degli Assessori.
"L’intento dei seminari è quello di creare e/o rafforzare nelle donne la consapevolezza dei propri diritti in modo che partecipino attivamente ed in modo determinate alle scelte politiche sociali del loro paese - spiega la Presidente della Commissione Regionale Pari Opportunità, Sabrina Gambino – Per avere accesso a una politica fortemente maschile, per parteciparvi attivamente e non solo 'perché nelle liste dei partiti è meglio avere qualche donna' occorre conoscere i fondamenti e le regole tecniche della politica: che cos’è un partito, un sindacato, come funziona un Consiglio comunale, una Giunta, quali sono i fondamentali diritti sanciti dalla nostra Costituzione a favore delle donne e non solo. L’iniziativa è stata pensata partendo proprio dalle realtà più piccole per moltiplicare le occasioni d’incontro e di confronto con le donne. Tra i comuni piemontesi l’invito ad accogliere i seminari è stato rivolto in primo luogo ai comuni con Sindaci donne. L’intenzione è quella di portare l’iniziativa sull’intera Regione, incrementando nei prossimi anni i comuni coinvolti". Il percorso si propone anche di far conoscere la Commissione Regionale Pari Opportunità, assicurando la presenza agli incontri di una componente della Commissione stessa e proiettando un video messaggio introduttivo della Commissione che illustra le motivazioni e gli obiettivi dell’iniziativa.
"Questa iniziativa è un invito, e insieme un desiderio, che le componenti della Commissione rivolgono alle donne – commenta l’Assessora al Lavoro e Welfare Teresa Angela Migliasso - A 60 anni dall’affermazione dei principi di eguaglianza nella nostra Costituzione un lungo cammino è stato compiuto verso la parità di fatto tra donne e uomini, nella vita privata e sociale, come nel lavoro. Le donne sono state e sono tuttora un motore importantissimo di cambiamento. Eppure il loro ruolo è ancora troppo poco riconosciuto. Basti pensare che nelle sedi decisionali, politiche e amministrative, le donne sono meno del 20%. Garantire un livello paritario nella rappresentanza equivale a migliorare la democrazia di un paese a beneficio di tutte e di tutti". Hanno partecipato alla presentazione anche l’Assessora alla Cultura del comune di Vinovo, Luciana La Prova e la Sindaca di Grazzano Badoglio, Rosaria Lunghi che hanno testimoniato l’importanza dell’iniziativa per la loro realtà locale. La prima edizione dell’iniziativa ha avuto l’adesione di 13 Comuni delle province di Asti, Biella, Cuneo, Novara, Torino e Verbania. Sono: Grazzano Badoglio (AT), Belveglio (AT), Candelo (BI), Cavaglià (BI), Baldissero d'Alba (CN), Costigliole Saluzzo (CN), Borgomanero (NO), Oleggio (NO), Borgone Susa (TO), Rivalta (TO), Vinovo (TO), Foglizzo (TO), Villadossola (VB). Gli incontri prenderanno il via l’11 dicembre 2008 a Grazzano Badoglio (AT) e proseguiranno per tutto il 2009.
"L’iniziativa rappresenta una sfida importante in quanto vuole garantire una continuità tra il sapere sociale, che si costruisce anche a livello accademico, e le donne che hanno o possono avere un ruolo attivo a livello locale e non solo – spiega la prof.ssa Adriana Luciano a nome del CIRSDE e del COREP – Un “sapere costruito insieme”: per questo presteremo la massima cura per promuovere l’adesione attiva della cittadinanza e per sostenere e rafforzare, attraverso gli incontri, le reti che sul territorio già ora operano per favorire la partecipazione delle donne alla vita sociale, politica ed economica".
A tal fine gli incontri saranno animati da un/a tutor che promuoverà il coinvolgimento attivo dei/lle partecipanti fornendo loro documentazione e stimolando riflessioni ed iniziative per favorire forme di partecipazione a livello locale. Ciascun incontro sarà gestito da docenti individuati in ambito accademico e tra esponenti delle istituzioni e sindacati, del mondo della politica e del lavoro che gestiranno le tematiche da un punto di vista teorico e attraverso una testimonianza personale.
Il dettaglio degli interventi e la partecipazione di eventuali ospiti saranno definiti anche in collaborazione con i Comuni nonché con le reti comunali e provinciali di parità per garantire un collegamento con le specificità territoriali e stimolare la partecipazione. Un dossier fornirà a ciascun/a partecipante una raccolta ragionata dei materiali mentre alle biblioteche civiche di ogni Comune saranno donate alcune pubblicazioni relative alle tematiche affrontate nei diversi incontri. Il corso disporrà inoltre di una piattaforma online messa a disposizione dal Consorzio COREP che, insieme al CIRSDe Centro Interdisciplinare Ricerca e Studi delle Donne dell’Università di Torino, collabora all’organizzazione dell’iniziativa.
L’area riservata cui potranno accedere i/le partecipanti agli incontri, conterrà i materiali di approfondimento dei singoli seminari. Il ciclo di seminari si concluderà con una giornata seminariale, prevista a Torino a novembre/dicembre 2009 quale riflessione generale sull’esperienza e condivisione delle riflessioni emerse sul territorio.
Per maggiori informazioni: segreteria organizzativa 011.19711686/7; www.corep.it oppure www.kila.it
Nell'allegato i dati in merito alla rappresentanza politica delle donne in Piemonte. Commissione regionale per la realizzazionedelle Pari Opportunità tra uomo e donna

scarica l'allegato (dati.doc)


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Associazione Casa di Riposo per Persone Anziane - onlus -
Lomazzo
CF:
Società  Cooperativa Sociale 'Luce'
Cassina de'Pecchi
CF: 04618970968
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY