Netweek      
News
Istat: cosa pensano gli italiani dei migranti?
17/07/12
Il 60% degli italiani afferma che gli immigrati nel nostro paese sono trattati meno bene degli italiani. Quasi il 90% ritiene che non sia giustificabile trattare meno bene un lavoratore perché immigrato. Tuttavia il 55% afferma che “nell’attribuzione degli alloggi popolari, a parità di requisiti, gli immigrati dovrebbero essere inseriti nella graduatoria dopo gli italiani”, mentre il 48,7% condivide l’affermazione secondo la quale “in condizioni di scarsità di lavoro, i datori di lavoro dovrebbero dare la precedenza agli italiani”. Questi alcuni dei risultati dell’indagine Istat “I migranti visti dai cittadini”, finanziata dal Dipartimento per le Pari Opportunità.


Il 60% dei rispondenti è molto o abbastanza d’accordo nel ritenere che “la presenza degli immigrati è positiva perché permette il confronto con altre culture”. Altrettanti (63%) sono d’accordo con l’affermazione che “gli immigrati sono necessari per fare il lavoro che gli italiani non vogliono fare”. Tuttavia il 35% ritiene che gli immigrati tolgono lavoro agli italiani e il 65,2% che gli immigrati siano troppi.


L’aumento di matrimoni e unioni miste è considerato positivamente dal 30,4% dei rispondenti, a fronte di un quinto circa (20,4%) che considera negativamente questo fenomeno. Se però è la propria figlia a sposare un immigrato la situazione cambia. Per esempio, il 59,2% degli intervistati avrebbe molti problemi e il 25,4% qualche problema se il futuro coniuge fosse un Rom/Sinti. Le percentuali si collocano, rispettivamente, al 37,2% e al 31,7% nel caso di un romeno.


Per la maggioranza non è un problema avere uno straniero come vicino. Tuttavia il 68,4% non vorrebbe avere come vicino un Rom/Sinti: al secondo e al terzo posto tra i vicini meno graditi si collocano i romeni (indicati dal 25,6%) e gli albanesi (24,8%).
Sulla convivenza religiosa, la maggioranza (59,3%) esprime una posizione di tolleranza, dichiarandosi poco o per niente d’accordo con l’affermazione secondo la quale “le pratiche religiose di alcuni immigrati minacciano il nostro modo di vivere”, anche se il 26,9% è contrario all’apertura di altri luoghi di culto nei pressi della propria abitazione e il 41,1% all’apertura di una moschea.


Riguardo al tema della cittadinanza, il 72,1% è favorevole al suo riconoscimento alla nascita ai figli di immigrati nati nel nostro Paese. Il 91,4% ritiene giusto che gli immigrati, che ne facciano richiesta, ottengano la cittadinanza italiana dopo un certo numero di anni di residenza regolare nel nostro Paese: sono sufficienti 5 anni per il 38,2% dei rispondenti, ne occorrono 10 per il 42,3%. Mentre sul diritto di voto alle elezioni comunali, il 42,6% si dichiara molto o abbastanza d’accordo nel conferirlo agli immigrati che risiedono da alcuni anni in Italia, anche se non hanno la cittadinanza italiana.


L’indagine è stata condotta su un campione di 7.725 famiglie distribuite in 660 comuni italiani. Per ciascuna famiglia campione è stato intervistato un solo componente, estratto casualmente tra i componenti di età compresa tra i 18 e i 74 anni. I giovani, soprattutto se donne, e i residenti nel Centro Italia mostrano una maggiore apertura nei confronti degli immigrati su tutte le dimensioni indagate.
Fonte www.programmaintegra.it


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Circolo Arci
Gorla Maggiore
CF:
POLISPORTIVA OSPIATE ASD
Bollate
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY