Netweek      
News
Trionfa a Parigi lo spettacolo recitato nella lingua dei segni
02/02/07
Ridurre la distanza tra udenti e non udenti e far capire, a chi i suoni li sente, che nel mondo silenzioso dei sordi c'è grande desiderio di comunicare. E' questa, in sintesi, la sfida lanciata dall'International Visual Theatre di Parigi (I.V.T.), il centro socio-culturale dei sordi inaugurato la settimana scorsa e diretto dall'artista non udente Emmanuelle Laborit. Per la cerimonia di apertura è stato rappresentato 'King Lear' di Shakespeare, recitato in lingua francese e nella lingua dei segni tradotta a voce o attraverso frasi proiettate sul grande schermo alle spalle degli attori.
'Alcuni monologhi sono stati rappresentati senza traduzione. Al pubblico non deve essere spiegato tutto. E' bene che ci siano momenti in cui lo spettatore udente si senta un po' perduto quindi costretto ad osservare meglio l'azione', ha dichiarato Emmanuelle Laborit.
Ricco il cartellone di questa prima stagione proposto dall'I.V.T.: 'Atti senza parole' di Beckett, 'Les fables de LaFontaine, 'racconti di donne' di Dario Fo e Franca Rame, 'Le grand cahier' di Kryzstof e 'Inoui Music Hall', rivista di canzoni nella lingua dei segni.


Tratto da 'la Repubblica' dello 01/02/2007


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
A.S. Pinzano 87
Limbiate
CF:
Anche Io nel Terzo Millennio
Palazzolo sull'Oglio
CF: 91015760175
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY